igo

ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO DEI CITTADINI ITALIANI CHE VIVONO ALL’ESTERO

CITTADINO ITALIANO CHE VIVE IN UN PAESE MEMBRO DELL’UNIONE EUROPEA
In occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, che si svolgeranno in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea nel periodo compreso tra giovedì 23 e domenica 26 maggio 2019, i cittadini italiani residenti nei Paesi UE possono scegliere di votare per i rappresentanti del Paese dove risiedono oppure, in alternativa, per i rappresentanti italiani. I cittadini italiani che invece sono permanentemente residenti in un Paese UE e iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) e che non hanno optato per il voto a favore dei candidati locali, saranno ammessi al voto per i candidati italiani presso le sezioni elettorali istituite dalle Ambasciate e dai Consolati. Gli elettori italiani temporaneamente presenti in un Paese membro dell’Unione Europea per motivi di studio o di lavoro, nonché gli elettori familiari con essi conviventi, possono votare per i rappresentanti italiani presentando entro il 7 marzo 2019, per il tramite dell’Ufficio consolare di riferimento, apposita domanda. Chi rientra nelle categorie di cui sopra riceverà a casa, da parte del Ministero dell’Interno italiano, il certificato elettorale con l’indicazione della sezione presso la quale votare, della data e dell’orario delle votazioni. In caso di mancata ricezione potrà contattare l’Ufficio consolare competente per verificare la propria posizione ed eventualmente richiedere il certificato sostitutivo. Coloro che invece desiderano votare in Italia, pur essendo residenti in un Paese membro dell’Unione Europea, devono presentare richiesta, entro il giorno precedente le elezioni in Italia, al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti esibendo il certificato elettorale ricevuto dal Ministero dell’Interno.

È VIETATO IL DOPPIO VOTO
Chi vota per i candidati al Parlamento Europeo per il Paese di residenza non potrà votare anche per quelli italiani, e viceversa. Chi vota per i candidati italiani presso le sezioni elettorali istituite all’estero dagli Uffici diplomatico-consolari non potrà farlo anche presso le sezioni elettorali in Italia, e viceversa. Gli elettori in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell’Unione Europea possono esercitare il loro diritto di voto per i candidati di uno solo degli Stati di cui sono cittadini.

CITTADINO ITALIANO RESIDENTE IN UN PAESE NON MEMBRO DELL’UNIONE EUROPEA
I cittadini italiani residenti nei Paesi non membri dell’Unione Europea possono votare per i rappresentanti italiani al Parlamento Europeo presso il Comune di iscrizione elettorale in Italia, a tal fine riceveranno apposita cartolina avviso con le relative istruzioni.